Idepart | airbnb.com
98
single,single-post,postid-98,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,

airbnb.com

Dati Sintetici

Ricerca avanzata tramite filtri
Servizi presenti 
Recensioni
Possibilità di contatto con struttura
Prenotabilità/Pagamento online
Link al sito web
Supporto telefonico
Versione mobile
airbnb

airbnb.com Dati Sintetici: Ricerca avanzata tramite filtri: SI Servizi presenti: SI Recensioni: SI Possibilità di contatto con struttura: SI Prenotabilità/Pagamento online: SI Link al sito web: NO Supporto telefonico: SI Versione mobile: SI Progetto americano di elevata qualità con estensione mondiale, nato nel 2008 con il nome di Airbedandbreakfast.com. In 5 anni ha aperto sedi in tutto il mondo: dalla California alla Spagna, dalla Germania all’Oregon passando per l’Irlanda, la Korea ed oltre. La logica qui cambia e segue la filosofia degli annunci. E’ facile trovare annunci di posti letto, camper, yurta, case sull’albero o divani. Sì, avete letto bene. In Italia non sono tante le offerte strane di alloggi quanto meno inusuali, ma altrove ce ne sono ed airbnb le propone numerose. Anche i portali italiani stanno fiutando l’interesse per le sistemazioni insolite e sono convinto che presto vedremo delle novità. Per il resto cambiano anche l’impostazione grafica e la politica di marketing. Il layout è studiato per agevolare l’usabilità, cosa che contribuisce ad attrarre visitatori e a diffondere il marchio anche grazie ad una politica molto social. L’ottima distribuzione degli elementi nel campo pittorico, insieme ad un considerevole numero di filtri/strumenti, rendono molto piacevole l’esperienza dell’utente. L’implementazione del plugin di Google Translate nelle descrizioni delle strutture avvicina ulteriormente gli utenti agevolando la comprensione dei testi ed evitando ai propietari spese ulteriori di traduzione. Per quanto concerne la gestione, le strutture possono creare un account gratuito ed essere online in pochi minuti. Il portale funziona benissimo anche per affitti più lunghi ma, ovviamente, più aumenta l’importo del soggiorno più aumenta la commissione da pagare al portale. Chi paga in questo caso è l’utente che, all’atto della prenotazione, dovrà sborsare una commissione che varia dal 10 al 15% circa. I soldi vengono trattenuti da airbnb per poi essere girati alla struttura (tolta ovviamente la propria percentuale) 24 ore dopo il check-in del cliente, sempre che nel frattempo non ci siano stati lamentele o disguidi. Anche qui ci sono le recensioni, non solo sulle strutture ma anche sugli utenti in base a come si sono comportati durante il soggiorno presso l’host; interessanti le guide ai quartieri delle principali città del mondo. Airbnb è tradotto in 27 lingue. Disponibile anche un’ottima app per smartphone con cui potete fare tutto: cercare, valutare, comunicare, prenotare.